Pubblicato il Lascia un commento

3 TECNICHE DI VENDITA

#danieleascenzidigitalentrepreneur #onlinebusiness #marketing #onlinemarketer #onlinemarketingstrategies #digital #mlm #consuling #coachingtips #coachingonline #academy #jumboonlinetraining
#danieleascenzidigitalentrepreneur #onlinebusiness #marketing #onlinemarketer #onlinemarketingstrategies #digital #mlm #consuling #coachingtips #coachingonline #academy #jumboonlinetraining

A volte molti marketers provengono da settori completamente diversi, magari hanno seguito un percorso di studi differente dalla loro attività…Quindi all’inizio non hanno alcuna esperienza nella vendita di prodotti e servizi.

Si devono affidare all’esperienza sul campo, tentando e persino sbagliando a volte!

Anch’io, all’inizio della mia carriera  come online marketer non avevo determinate skills, ma come ho scritto anche in un precedente articolo: “gli errori sono i migliori maestri”.

Nonostante ogni giorno imparassi una nuova lezione ed affinassi la mia tecnica, avevo capito che mi serviva un aiuto in più, qualcosa che mi potesse facilitare il lavoro sul web.

Aiuto che ho trovato nel mio mentore per quanto riguarda la mia formazione online.

Ho scoperto che ci sono tante tecniche per promuovere prodotti e servizi, talmente tanti elementi da valutare che non basterebbe un solo articolo per spiegarli tutti! 

Quello che vorrei fare è spiegarti 3 tecniche molto efficaci che si posso utilizzare per rendere il tuo approccio verso i tuoi prospect il più efficace possibile!

 

Partiamo da quella che chiamo la tecnica delle 3 E:

Questa è una strategia molto diretta, nella quale in primis presento cosa ho tra le mani, che tipologia di prodotto o servizio offro in sostanza.

La prima E è riferita a ECCO COSA HO 

Dopodiché si passa alla seconda fase, nella quale mi rendo UTILE per il cliente.

Ricorda che devi usare sempre la parola TU quando proponi un prodotto o servizio, perché il cliente deve percepire quale sarebbe il vantaggio per LUI nell’acquistare ciò che proponi.

La seconda E è riferita a ECCO COSA FARO’ PER TE

Infine si conclude spiegando esattamente come ottenere il tuo prodotto o servizio.

Le persone hanno bisogno di essere guidate sempre, devo avere un messaggio chiaro su cosa devono fare!

La terza ed ultima E è riferita a ECCO COME PUOI OTTENERLO

 

La seconda tecnica di vendita viene definita P.A.S.

Qui l’approccio è diverso, perché bisogna partire da un problema, una frustrazione.

Una delle varie leve motivazionali che vengono usate spesso dai miei “colleghi” è il PROBLEMA.

Alcuni affermano che sia addirittura la più potente, perché spinge le persone a compiere un’azione più velocemente, in quanto un problema è scomodo, dà fastidio e lo si vuole risolvere il prima possibile.

Nella fase successiva non si fa altro che AMPLIFICARE il problema, rendendolo ancora più viscerale!

Questa è una strategia fortissima se tu lo hai vissuto per primo, perché riesci a trasmettere meglio il concetto ed a entrare in sintonia con il prospect.

Io, ad esempio, all’inizio della mia carriera nel multilevel marketing ho trovato difficoltà a generare nuovi contatti ai quali proporre i prodotti o l’opportunità di business della mia azienda (PROBLEMA), e questo non faceva altro che farmi stare male, con l’umore basso e la motivazione era sotto le scarpe! 

Mi domandavo, addirittura, se non stessi perdendo tempo e la notte dormivo male, perché la mia mente viaggiava e pensavo a come poter uscire da questa situazione di scomodo (AMPLIFICARE IL PROBLEMA).

Arriva quindi la terza ed ultima fase, cioè quella della SOLUZIONE.

Una volta esposto un problema ed averlo amplificato, ti proponi come la soluzione a quel problema con il tuo prodotto o servizio.

Quindi, ricapitolando, abbiamo:

P: problema

A: amplificazione

S: soluzione

Bisogna fare attenzione ad utilizzare questa strategia, perché se si millanta qualcosa che non esiste, il passaparola negativo ritorna indietro come un boomerang e sei finito sul web.

Il mio consiglio, quindi, è quello di usare questa strategia se hai già risolto uno specifico problema a qualcun altro!

 

La terza ed ultima tecnica di vendita di cui voglio parlarti oggi è la A.I.D.A.

Sì, lo so, questo è un articolo pieno di acronimi, ma ti posso assicurare che sono tutte strategie molto valide!

Ma non perdiamo tempo in chiacchiere e andiamo a vedere di cosa si tratta…

Con questa strategia parti con il catturare l’ATTENZIONE del tuo prospect, magari utilizzando nei tuoi post un’immagine o un video divertente, oppure dei colori sgargianti o ancora delle frasi d’effetto!

Il messaggio deve essere EYE GRABBING (che cattura a colpo d’occhio).

Ci sono tanti strumenti sia gratuiti che a pagamento per creare video avvincenti, oppure immagini particolari, ma non te lo spiegherò in questo articolo, perché sono tutti argomenti che verranno trattati nel corso di ONLINE MARKETING per lanciare la tua attività digitale!

Nella seconda fase della strategia dei suscitare INTERESSE nel prospect: nel caso di un post su Facebook, le prime due/tre righe DEVONO invogliare il lettore a cliccare su “altro” per continuare a leggere e a consumare il contenuto dell’articolo!

Se riesci a non far “scrollare” lo schermo al tuo prospect vuol dire che hai già fatto buona parte del lavoro!

La terza fase è quella del DESIDERIO

Una volta catturata l’attenzione del tuo potenziale cliente ed avergli suscitato interesse, devi rilasciare un contenuto talmente potente da fargli BRAMARE il tuo prodotto o servizio!

La persona deve percepire ciò che hai da offrire come qualcosa di assolutamente essenziale!!!

Si arriva così all’ultima fase della strategia, ovvero l’AZIONE!

Qui è tutto molto semplice, perché ormai hai compiuto il 90% del lavoro.

Il contatto è caldo e non devi far altro che indicargli COSA fare per ottenere il tuo prodotto o servizio!

Devi, quindi, promuovere una CTA (CALL TO ACTION): magari invitando il prospect a cliccare su un link, oppure a fissare una consulenza con te o ancora ad effettuare il pagamento!

Ricapitolando, quindi, abbiamo:

A: attenzione

I: interesse

D: desiderio

A: azione

Bene, per oggi è tutto!

Se desideri scoprire di più sul corso di ONLINE MARKETING, allora clicca il bottone che trovi sopra o sotto a questo articolo e prenota una consulenza gratuita!

Ciao

 

Pubblicato il Lascia un commento

I 4 TIPI DI CLIENTI

Businessonline- marketingonline- clienti - business - online - marketing - mlm -networkmarketing - strategie
Businessonline- marketingonline- clienti - business - online - marketing - mlm -networkmarketing - strategie

Quante volte mi è capitato, durante i miei appuntamenti con dei prospects, di “bruciarmi” il contatto, perché magari ho usato delle parole sbagliate, un atteggiamento poco consono oppure non sono riuscito ad entrare in “sintonia” con il mio interlocutore…

Beh, come dico sempre: “gli errori sono i migliori maestri”.

Per fortuna, durante il mio percorso di formazione personale, ho incontrato dei mentori fantastici, che mi hanno aiutato a migliorare sotto questo aspetto, facendomi togliere alcuni “blocchi” che rendevano difficile la mia performance.

Ti faccio una domanda…

Sarebbe bello per te, ogni volta che hai un appuntamento con un potenziale cliente, capire chi hai di fronte da come si pone, dalle parole che usa, da come stringe la mano e modulare l’appuntamento in funzione di questi parametri, al fine di aumentare la percentuale di “chiusura” di vendita?

Bene! 

Lo sai che il tuo potenziale cliente, durante l’appuntamento (che sia dal vivo oppure online), manda inconsapevolmente alcuni “segnali” che mostrano in maniera quasi del tutto precisa, a quale “tipologia” appartiene?!

Come hai potuto leggere dal titolo, ho suddiviso le categorie di clienti in 4 tipi e per descriverli, ho deciso di usare come riferimento i 4 ELEMENTI.

Ecco le quattro tipologie di clienti:

 

CLIENTE TERRA

Di solito è una persona molto razionale, che ha bisogno di assolute certezze, di tutti i dati per analizzare ogni aspetto del prodotto/servizio che proponete.

Gli piace avere i piedi ben piantanti, appunto, a “TERRA”!

Capisci subito se hai a che fare con questa tipologia di prospect già da come fissi l’appuntamento con lui/lei.

Fornisce molti dettagli, è estremamente preciso con l’orario e, tendenzialmente, si presenta curato.

Stringe la mano velocemente la prima volta e, durante il colloquio, mantiene un tono di voce costante, sta spesso in silenzio, mantiene una postura del corpo abbastanza chiusa, i movimenti del corpo sono pochi e contenuti e chiede continuamente informazioni.

Per questa tipologia di cliente bisogna essere preparati, l’appuntamento dovrebbe durare di più, perché devi rispondere alle molte domande che lui/lei farà e bisogna parlare di NUMERI, risultati e, se lo avete a disposizione, anche di un metodo ben preciso di lavoro, con dei passi da seguire.

 

CLIENTE FUOCO

Di solito è una persona molto energica, mantiene una postura eretta e “fiera”.

Al primo appuntamento ti viene incontro, stringe la mano con fermezza e mantiene il contatto visivo per tutto il tempo.

Durante il colloquio muove continuamente le mani, cerca di prevalere come tono di voce e usa spesso la parola IO!

E’ una persona che viene guidata dal “FUOCO” che brucia dentro.

Con lui/lei bisogna andare diritti al punto, la conversazione deve essere tendenzialmente  breve, si potrebbe essere interdetti e bisogna chiedere spesso la sua opinione!

Bisogna mostrare come i tuoi prodotti o servizi gli conferiscano “potere” e “status” e bisogna essere riassuntivi e trovare il metodo migliore per raggiungere risultati nel minor tempo possibile!

 

CLIENTE ARIA

Come per il cliente FUOCO, anche lui/lei è una persona energica, ma più “entusiasta”.

Al primo appuntamento, infatti, si muove verso di te e ti stringe la mano in maniera vigorosa.

Mentre parla compie ampi gesti con le mani e usa molte espressioni facciali, il tono della voce cambia continuamente e tende ad usare molto lo storytelling, a parlare molto di sé.

E’ una persona che si fa trasportare dal “VENTO” della passione, mostra un buon senso dell’umorismo, ha una postura molto aperta e “rilassata” mentre parla.

Con un cliente ARIA bisogna parlare di innovazione, futuro, bisogna essere amichevoli e divertirsi durante l’appuntamento.

E’ l’esatto opposto del cliente TERRA, perché non guardai numeri e i dati, anzi si potrebber annoiare facilmente e rischi di “bruciartelo” in appuntamento.

Sono persone che decidono in fretta, quindi bisogna essere pronti ad agire all’istante!

L’ultimo tipo è il

 

CLIENTE ACQUA

Fondamentalmente è una persona tranquilla, che si avvicina, al primo appuntamento, lentamente e pone molta attenzione a come stringe la mano.

Tendenzialmente è una persona garbata, che mantiene una postura aperta e rilassata,  non mantiene fisso il contatto visivo e spesso guarda in basso.

Un cliente ACQUA è un buon ascoltatore, ha molto a cuore il prossimo, la famiglia e amici.

E’ una persona che mostra una forte sensibilità e tranquillità, può essere rappresentato come un LAGO dalla superficie piatta.

Durante il colloquio bisogna parlare del sociale, essere gentili e gradevoli, usando dei toni pacati, senza cercare di prevalere.

E’ un cliente che impiega più tempo e, magari, più interazioni prima di prendere una decisione.

Mostra che i tuoi prodotti/servizi sono sicuri e che posso aiutare il prossimo e non bisogna pressare per “chiudere” la trattativa.

Ci sono tanti altri aspetti da valutare durante gli appuntamenti e tante tecniche utili per aiutarti a concludere una trattativa, ma non ne parlerò in questo articolo, perché sarà parte del materiale che tratteremo nel corso di marketing online che abbiamo creato.

Se desideri avere maggiori informazioni su questo progetto o desideri avere una consulenza con noi, non ti resta che cliccare il bottone che trovi sopra o sotto questo articolo e prenotare la tua sessione!

P.S. Ci vediamo martedì per un nuovo articolo dal titolo “3 TECNICHE DI VENDITA”

Pubblicato il Lascia un commento

I TRE STRUMENTI ESSENZIALI PER UN MARKETER

business - online - marketing - success - online marketing - workfromhome
business - online - marketing - success - online marketing - workfromhome

Nel passato, quando bisognava affrontare un lungo viaggio in macchina, erano necessarie le cartine o atlanti geografici che ti aiutassero  a programmare il percorso da fare, le strade migliori da percorrere e le tappe di viaggio.

Ricordo molti viaggi fatti in giro per l’Europa, in macchina, con i miei amici, dove per arrivare al Paese estero usavamo inizialmente l’atlante stradale, e, una volta arrivati alla meta, ci fiondavamo nel primo centro informazioni a recuperare la cartina della città e a chiedere tutti i luoghi da visitare!

Ora, come in tanti settori, la tecnologia si è evoluta e  basta avere uno smartphone e una connessione dati per arrivare ovunque, utilizzando il device come navigatore satellitare!

Ora ti viene mostrata la strada migliore da percorrere, se ci sono intoppi durante il tragitto, il calcolo esatto dell’orario di arrivo, insomma ogni tipo di informazione utile per il viaggiatore.

Così come per la navigazione, anche il modo di trovare nuovi potenziali clienti si è evoluto.

In passato, per vendere qualsiasi cosa, si ricorreva al porta a porta, annunci sui giornali, pubblicità in televisione etc etc…

Tutte tecniche che, per l’epoca, erano assolutamente efficaci!

Ora però il cliente, grazie all’arrivo di internet e l’evoluzione della tecnologia, è in grado di informarsi meglio suoi prodotti e servizi ed è più consapevole della realtà che lo circonda.

Ed è qui che entra in gioco uno dei 3 STRUMENTI ESSENZIALI PER UN ONLINE MARKETER…

Il protagonista in questione è il BUSINESS MANAGER, uno strumento gratuito che puoi trovare in uno dei social più utilizzato al momento, ovvero Facebook™.

Si stima che il 53% della popolazione mondiale che ha accesso ad internet abbia almeno un profilo attivo all’interno del social.

Quindi è un ENORME BACINO DI UTENZA DAL QUALE POTER ATTINGERE, non credi?

Con il business manager un online marker è in grado (se applica i giusti settaggi) di trovare potenziali clienti in target (in linea) con i prodotti o servizi che offre.

Il tutto avviene in maniera automatica, e questo per un qualsiasi imprenditore è assolutamente fantastico!

Con il business manager il marketer è in grado di creare delle ads (annunci pubblicitari, o meglio conosciuti come “sponsorizzate”), le quali posso arrivare veramente in tutto il Mondo, direttamente sugli schermi di smartphone, tablet o pc dei prospects!

Da qui inizia il “viaggio del cliente”, proprio dall’attenzione che suscita l’annuncio.

Il visitatore, una volta incuriosito dall’immagine o dal testo della sponsorizzata, clicca sul link o pulsante contenuti in essa e passa allo step successivo del “flusso”

Ora entra in gioco il SECONDO STRUMENTO DI UN ONLINE MARKETER, ovvero il FUNNEL.

Quest’ultimo non è altro che una sorta di “setaccio”, che serve a filtrare tutte le persone che atterrano sulla tua LANDING PAGE (la prima pagina web che viene visualizzata una volta cliccato il link o bottone della sponsorizzata).

Il compito del funnel è, quindi, quello di scremare i visitatori, lasciando solo quelli potenzialmente interessati ai tuoi prodotti e servizi, per poi guidarli attraverso un percorso che li porterà a tramutarsi in CLIENTI PAGANTI.

Il “flusso” prevede tre fasi principali:

  • ACQUISIZIONE CONTATTO dove il visitatore lascia un suo riferimento (email, n°di telefono, nome etc etc) trasformandosi da PROSPECT a  LEAD.
  • INFORMAZIONE dove al potenziale cliente viene spiegato il prodotto o servizio e il suo prezzo.
  • ACQUISTO dove il lead di fatto COMPRA, trasformandosi da LEAD  a CLIENT.

Ci sono diverse strategie per utilizzare questo potente strumento, ma non le svelerò in questo articolo, perché ho creato un corso di marketing online, dove spiego nel dettaglio come creare un funnel di vendita efficace.

Esistono molti software per creare un funnel, ma , tra quelli che ho testato finora, CLICKFUNNELS™ resta a parere mio il migliore.

Se ti interessa provarlo gratuitamente per 14 giorni clicca il link sottostante:

https://www.danieleascenzi.com/clickfunnels

Concludo questo articolo parlando del TERZO STRUMENTO, ovvero l’E-MAIL MARKETING.

Poco fa ho scritto che l’acquisizione di un cliente può avvenire all’interno di un funnel, ma in realtà può accadere anche dopo un ciclo di follow up.

Prima, quando non esisteva internet e la tecnologia attuale, i marketers dovevano seguire il cliente  con ripetute visite a domicilio, telefonate e “telegrammi” e questo comportava dispendio di risorse economiche, di tempo e di energie.

Il processo di acquisizione del cliente a volte richiedeva tempi biblici e magari le trattative non sempre si tramutavano in “conversioni”.

Per fortuna con l’avvento di internet sono stati creati degli strumenti veramente funzionali per seguire i prospects in maniera automatizzata 24 ore su 24, 365 giorni all’anno.

Tutto questo è possibile grazie agli AUTORISPONDITORI.

Io ne ho provati tanti, ma reputo che AWEBER™ sia il migliore di tutti.

Se ti interessa provarlo gratuitamente per 30 giorni clicca il link sottostante:

https://www.danieleascenzi.com/aweber

Il funzionamento è a dir poco geniale: una volta ottenuta l’email del potenziale cliente, questa finisce su una mailing list da te precedentemente creata (utilizzando appunto AWEBER™).

Tutto ciò fa risparmiare un sacco di tempo a noi marketers, tempo che possiamo investire in altre attività proficue per il nostro business!

Ci sono anche qui diverse strategie e campagne di email marketing da utilizzare, ma, come per il funnel, non te ne parlerò in questo articolo, perché sono parte del corso di online marketing che ho creato!

Come hai potuto capire, quindi, il mondo si è evoluto, e con esso il modo di fare marketing!

Stare al passo con i tempi è ESSENZIALE, perché si rischia di essere tagliati fuori ed essere battuti dalla concorrenza!

Se desideri approfondire il discorso e avere maggiori informazioni sull’accademia che ho creato per il marketing online, non ti resta che cliccare il bottone posto sopra o sotto questo articolo!

P.S. ci vediamo giovedì per il prossimo articolo su: “LE 4 TIPOLOGIE DI CLIENTE”

Pubblicato il Lascia un commento

FACCIAMO CHIAREZZA SUL MULTILEVEL MARKETING

multilevel marketing - business - workfromhome - businessdacasa - online - online business
multilevel marketing - business - workfromhome - businessdacasa - online - online business

Il MULTILEVEL MARKETING (o meglio conosciuto da tutti come NETWORK MARKETING)…un argomento molto caldo e spesso male interpretato dalla maggior parte delle persone.

Infatti, quando leggo i commenti ai post di alcuni miei “colleghi”, mi accorgo che l’italiano medio è disinformato e, quando si trova qualcosa di “nuovo” davanti agli occhi, preferisce scappare via e non approfondire il discorso!

Eh già…il “nuovo” spaventa a volte…ma in realtà la maggior parte di noi…anzi tutti quanti noi facciamo già “network marketing” inconsapevolmente!

Non ci credi?

Ti faccio un esempio…

Ti è mai capitato di parlare bene di un ristorante? 

Perfetto, in quel momento hai fatto network marketing!

Hai mai consigliato un libro ad un conoscente?

Ecco, ancora una volta hai fatto network marketing!

Potrei andare avanti all’infinito, ma mi fermo qui…

Il concetto è semplice, se ci pensi bene hai sempre fatto PASSAPAROLA nella tua vita, ma in maniera del tutto GRATUITA!

Il ristoratore non è venuto da te a dirti: “grazie per avermi portato un nuovo cliente, vieni che ti offro la cena”, oppure l’autore del libro: “per merito tuo ho un nuovo lettore che mi segue, ti regalo una copia del mio prossimo lavoro” 

Nel MULTILEVEL MARKETING, invece, è l’esatto opposto…

Le aziende che decidono di utilizzare questo modello di distribuzione dei loro prodotti (ebbene sì, è un vero e proprio metodo per veicolare prodotti o servizi) basano il loro successo sul PASSAPAROLA dei loro incaricati, che vengono RETRIBUITI per farlo!

E adesso ti svelo un altro segreto…

Quasi ognuno di noi fa già parte di un MULTILEVEL, ed anche in questo caso inconsapevolmente…

Un esempio sono i SUPERMERCATI!

Analizziamo insieme quello che succede:

  1. TI ASSOCI E IL SUPERMERCATO TI RILASCIA UNA TESSERA
  2. A VOLTE HAI DEGLI SCONTI IN QUANTO SOCIO
  3. SE CONSIGLI AD UN AMICO DI ASSOCIARSI NON HAI NESSUN RICONOSCIMENTO
  4. EFFETTUI ACQUISTI DI PRODOTTI ALL’INTERNO DEL SUPERMERCATO
  5. ACCUMULI PUNTI DAGLI ACQUISTI CHE HAI FATTO SOLO TU
  6. VINCI DEI PREMI CON I PUNTI ACCUMULATI (e spesso devi anche aggiungere dei soldi per ottenerli)

Ecco cosa succede nel MULTILEVEL MARKETING:

  1. TI ASSOCI E L’AZIENDA TI LASCIA UN SITO E-COMMERCE
  2. HAI SEMPRE GLI SCONTI IN QUANTO SOCIO
  3. SE CONSIGLI AD UN AMICO DI ASSOCIARSI RICEVI UN RICONOSCIMENTO
  4. EFFETTUI ACQUISTI O CLIENTI ACQUISTANO DAL TUO SITO ECOMMERCE
  5. ACCUMULI PUNTI DAGLI ACQUISTI FATTI 
  6. I PUNTI SI TRAMUTANO IN COMMISSIONI

Come hai potuto notare il funzionamento è praticamente LO STESSO, solo che nel primo caso non percepisci alcun compenso, al massimo dei buoni sconto sulla spesa che hai appena fatto, mentre nel secondo caso generi commissioni!

Un altro aspetto molto, ma molto importante del MLM (MULTILEVEL MARKETING) è la tassazione agevolata.

Nel momento in cui ti associ apri una vera e propria POSIZIONE IMPRENDITORIALE indipendente.

Ma, a differenza delle attività “tradizionali”, gli incaricati godono di una tassazione agevolata che arriva ad un massimo del 24.5%!

Ciò significa che più del 75% del fatturato che generi dall’attività di multilevel marketer finisce nelle tue tasche!

L’altra cosa incredibile è che, siccome l’azienda paga le tasse dei tuoi redditi alla fonte, i proventi derivanti dal MLM NON FANNO CUMULO CON ALTRI REDDITI! 

(legge n°173/2005)

Ma come fa un’azienda a trovare i fondi per pagare ANCHE gli incaricati?

Molto semplice, come ho scritto poco fa il MULTILEVEL MARKETING è una modalità di distribuzione di prodotti o servizi DIFFERENTE dai canali tradizionali.

Andiamo ad analizzare anche in questo caso cosa succede…

Nei CANALI TRADIZIONALI c’è tutta una filiera da seguire per arrivare dal produttore al cliente finale:

PRODUTTORE > TRASPORTI > GROSSISTI > TRASPOSRTI > NEGOZI > CLIENTE FINALE.

Tutto questo insieme alla PUBBLICITA’ (in tv, radio, sui giornali etc etc…) ha ripercussioni sul costo finale del prodotto che subisce un rincaro, andando a peggiorare la QUALITA’ del prodotto stesso!

Nel MLM invece i passaggi sono i seguenti:

PRODUTTORE > TRASPORTI > CLIENTE FINALE.

Grazie a questo taglio netto dei costi l’azienda che utilizza questo canale di distribuzione. Cosa fa con i soldi risparmiati?

INVESTE IN RICERCA E SVILUPPO DEI PROPRI PRODOTTI (garantendo un’altissima qualità al cliente finale) e PAGA GLI INCARICATI che svolgo il passaparola dell’azienda.

Quindi, ricapitolando, il MULTILEVEL MARKETING è:

  1. MODALITA’ DISTRIBUTIVA DI UN’AZIENDA 
  2. OPPORTUNITA’ DI BUSINESS PER GLI INCARICATI
  3. ATTIVITA’ IMPRENDITORIALE CHE GODE DI UNA TASSAZIONE AGEVOLATA

Certo, purtroppo ci sono state aziende che hanno operato in maniera illecita e hanno truffato le persone, ma ci sono alcuni elementi FONDAMENTALI per capire se una società che utilizza il MLM è seria o meno:

  1. DEVE AVERE ALMENO 3 ANNI DI VITA 
  2. DEVE AVERE UNA SEDE LEGALE NEL PAESE IN CUI OPERA
  3. DEVE PROPORRE PRODOTTI POSSIBILMENTE DI CONSUMO
  4. GLI INCARICATI NON DEVONO PERCEPIRE COMMISSIONI SUL MERO “RECLUTAMENTO” DI ALTRI COLLABORATORI INSERITI, BENSI’ SUL FATTURATO GENERATO DALLE VENDITE

Io ho avviato già da tempo uno dei miei BUSINESS ONLINE ed ho scelto un’azienda americana per farlo.

Se vuoi approfondire il discorso, iniziare a lavorare INSIEME a me a questo progetto o stai cercando il TUO PIANO B, allora clicca sul bottone in alto o sotto a questo articolo e prenota la tua consulenza gratuita!

P.S. ci vediamo martedì per il prossimo articolo  dove parlerò dei TRE STRUMENTI DI LAVORO PRINCIPALI DI UN ONLINE MARKETER

Pubblicato il Lascia un commento

CORONAVIRUS VS ONLINE BUSINESS

danieleascenzi - coronavirus vs onlinebusiness -
danieleascenzi - coronavirus vs onlinebusiness -

Mai come in questi giorni mi rendo conto che basta veramente poco affinché le attività “tradizionali” sentano la crisi.

Questo COVID-19, o meglio conosciuto CORONAVIRUS, ha creato un sacco di danni economici a molte aziende della Lombardia e delle altre regioni italiane coinvolte.

Giusto sabato scorso sono andato a mangiare in un centro commerciale (fortunatamente ho trovato un take away aperto) e ho visto il 90% dei negozi chiusi e il ragazzo che mi ha servito il pasto mi ha detto che probabilmente anche questa settimana lo sarebbero stati.

Anch’io avevo un’attività in proprio qualche anno fa (un centro fitness) e mi sono domandato come avrei fatto a portare avanti il mio business tenendo le porte chiuse per almeno due settimane!

Fortunatamente oggi non ho queste preoccupazioni, perché ho sempre una mia attività, ma la svolgo ONLINE!

Da fine 2016 ho intrapreso una nuova strada, ho iniziato il mio percorso “DIGITALE”, e solo ora mi rendo conto di quanto sia stata funzionale la scelta che ho preso!

Per esempio, sabato 29 Febbraio avevo organizzato un evento LIVE in una location a Milano, ma, a causa del coronavirus, non ho potuto svolgere la presentazione programmata.

E sai cosa ho fatto?

Ho spostato l’evento ONLINE con un bel WEBINAR, così la mia attività non ne ha risentito minimamente!

Ora capisci che essere presenti “in rete” oggi è estremamente FONDAMENTALE, per non dire ESSENZIALE, soprattutto in casi come questi, dove un virus costringe migliaia di attività a “chiudere le porte” per settimane, creando danni economici importanti!

Ci sono, inoltre, molteplici vantaggi nell’intraprendere uno o più business online, ad esempio puoi lavorare:

  • OVUNQUE: puoi scegliere tu il luogo dove svolgere le tue attività, basta solo avere a disposizione un device (pc, tablet, smartphone) ed una connessione ad internet (o wi-fi) ed il gioco è fatto
  • QUANDO VUOI: puoi lavorare in pausa pranzo o dopo l’orario lavorativo (se sei dipendente), oppure dedicarci tutta la giornata se sei un freelance
  • CON COLLABORATORI IN TUTTO IL MONDO: grazie agli strumenti moderni (zoom, skype, FaceTime, Facebook, Whatsapp etc etc…) puoi raggiungere veramente CHIUNQUE in qualsiasi parte del Mondo.

In una delle mie attività online (eh già, perché ho avviato tre business in rete) ad esempio ho sponsorizzato un ragazzo indiano mentre bevevo un buon cappuccino seduto comodamente al tavolo di un bar nel mio paese in Italia, così come un contatto in Sud Africa durante un aperitivo!

La tecnologia si è evoluta, e con essa anche il modo di lavorare!

Se non si è al passo con i tempi si corre il rischio di essere tagliati fuori dai giochi…per questo motivo ho deciso di uscire dalla mia zona di comfort e ho iniziato a formarmi in Italia ed a Londra per diventare ciò che sono ora, un IMPRENDITORE DIGITALE!

Un altro aspetto da non sottovalutare è il fatto di non avere un luogo “fisico” nel quale lavorare.

Basti pensare i negozi che ho visto chiusi sabato al centro commerciale…

Se fossero stati dotati di un sito Ecommerce non avrebbero avuto problemi a vendere la loro merce online e non avrebbero perso due settimane (se non di più) di fatturato!

Certo, ci sarebbe stato sempre il corriere che avrebbe trasportato la merce ai clienti, ma sarebbe stato decisamente meglio della situazione attuale, perché si sarebbero evitati affollamenti di persone, diminuendo quindi il rischio di contagio da COVID-19!

Insomma, si ritorna sempre, in una maniera o nell’altra, allo stesso punto: ONLINE BUSINESS 1 – CORONAVIRUS 0!!!

Mi auguro di averti ispirato con questo articolo e di averti dato una visione più ampia della realtà che ti circonda!

Se vuoi parlare di come portare sul web la tua azienda/attività, migliorare la presenza che già hai o iniziare un nuovo business online parallelo a quello che stai facendo, oppure al lavoro dipendete, clicca sul bottone sopra o sotto questo articolo e prenota la tua consulenza gratuita.

P.S. ci vediamo giovedì (con o senza CORONAVIRUS) per un nuovo articolo sul MULTILEVEL MARKETING!

A presto

Daniele Ascenzi

Digital Entrepreneur