business - online - marketing - success - online marketing - workfromhome

Nel passato, quando bisognava affrontare un lungo viaggio in macchina, erano necessarie le cartine o atlanti geografici che ti aiutassero  a programmare il percorso da fare, le strade migliori da percorrere e le tappe di viaggio.

Ricordo molti viaggi fatti in giro per l’Europa, in macchina, con i miei amici, dove per arrivare al Paese estero usavamo inizialmente l’atlante stradale, e, una volta arrivati alla meta, ci fiondavamo nel primo centro informazioni a recuperare la cartina della città e a chiedere tutti i luoghi da visitare!

Ora, come in tanti settori, la tecnologia si è evoluta e  basta avere uno smartphone e una connessione dati per arrivare ovunque, utilizzando il device come navigatore satellitare!

Ora ti viene mostrata la strada migliore da percorrere, se ci sono intoppi durante il tragitto, il calcolo esatto dell’orario di arrivo, insomma ogni tipo di informazione utile per il viaggiatore.

Così come per la navigazione, anche il modo di trovare nuovi potenziali clienti si è evoluto.

In passato, per vendere qualsiasi cosa, si ricorreva al porta a porta, annunci sui giornali, pubblicità in televisione etc etc…

Tutte tecniche che, per l’epoca, erano assolutamente efficaci!

Ora però il cliente, grazie all’arrivo di internet e l’evoluzione della tecnologia, è in grado di informarsi meglio suoi prodotti e servizi ed è più consapevole della realtà che lo circonda.

Ed è qui che entra in gioco uno dei 3 STRUMENTI ESSENZIALI PER UN ONLINE MARKETER…

Il protagonista in questione è il BUSINESS MANAGER, uno strumento gratuito che puoi trovare in uno dei social più utilizzato al momento, ovvero Facebook™.

Si stima che il 53% della popolazione mondiale che ha accesso ad internet abbia almeno un profilo attivo all’interno del social.

Quindi è un ENORME BACINO DI UTENZA DAL QUALE POTER ATTINGERE, non credi?

Con il business manager un online marker è in grado (se applica i giusti settaggi) di trovare potenziali clienti in target (in linea) con i prodotti o servizi che offre.

Il tutto avviene in maniera automatica, e questo per un qualsiasi imprenditore è assolutamente fantastico!

Con il business manager il marketer è in grado di creare delle ads (annunci pubblicitari, o meglio conosciuti come “sponsorizzate”), le quali posso arrivare veramente in tutto il Mondo, direttamente sugli schermi di smartphone, tablet o pc dei prospects!

Da qui inizia il “viaggio del cliente”, proprio dall’attenzione che suscita l’annuncio.

Il visitatore, una volta incuriosito dall’immagine o dal testo della sponsorizzata, clicca sul link o pulsante contenuti in essa e passa allo step successivo del “flusso”

Ora entra in gioco il SECONDO STRUMENTO DI UN ONLINE MARKETER, ovvero il FUNNEL.

Quest’ultimo non è altro che una sorta di “setaccio”, che serve a filtrare tutte le persone che atterrano sulla tua LANDING PAGE (la prima pagina web che viene visualizzata una volta cliccato il link o bottone della sponsorizzata).

Il compito del funnel è, quindi, quello di scremare i visitatori, lasciando solo quelli potenzialmente interessati ai tuoi prodotti e servizi, per poi guidarli attraverso un percorso che li porterà a tramutarsi in CLIENTI PAGANTI.

Il “flusso” prevede tre fasi principali:

  • ACQUISIZIONE CONTATTO dove il visitatore lascia un suo riferimento (email, n°di telefono, nome etc etc) trasformandosi da PROSPECT a  LEAD.
  • INFORMAZIONE dove al potenziale cliente viene spiegato il prodotto o servizio e il suo prezzo.
  • ACQUISTO dove il lead di fatto COMPRA, trasformandosi da LEAD  a CLIENT.

Ci sono diverse strategie per utilizzare questo potente strumento, ma non le svelerò in questo articolo, perché ho creato un corso di marketing online, dove spiego nel dettaglio come creare un funnel di vendita efficace.

Esistono molti software per creare un funnel, ma , tra quelli che ho testato finora, CLICKFUNNELS™ resta a parere mio il migliore.

Se ti interessa provarlo gratuitamente per 14 giorni clicca il link sottostante:

https://www.danieleascenzi.com/clickfunnels

Concludo questo articolo parlando del TERZO STRUMENTO, ovvero l’E-MAIL MARKETING.

Poco fa ho scritto che l’acquisizione di un cliente può avvenire all’interno di un funnel, ma in realtà può accadere anche dopo un ciclo di follow up.

Prima, quando non esisteva internet e la tecnologia attuale, i marketers dovevano seguire il cliente  con ripetute visite a domicilio, telefonate e “telegrammi” e questo comportava dispendio di risorse economiche, di tempo e di energie.

Il processo di acquisizione del cliente a volte richiedeva tempi biblici e magari le trattative non sempre si tramutavano in “conversioni”.

Per fortuna con l’avvento di internet sono stati creati degli strumenti veramente funzionali per seguire i prospects in maniera automatizzata 24 ore su 24, 365 giorni all’anno.

Tutto questo è possibile grazie agli AUTORISPONDITORI.

Io ne ho provati tanti, ma reputo che AWEBER™ sia il migliore di tutti.

Se ti interessa provarlo gratuitamente per 30 giorni clicca il link sottostante:

https://www.danieleascenzi.com/aweber

Il funzionamento è a dir poco geniale: una volta ottenuta l’email del potenziale cliente, questa finisce su una mailing list da te precedentemente creata (utilizzando appunto AWEBER™).

Tutto ciò fa risparmiare un sacco di tempo a noi marketers, tempo che possiamo investire in altre attività proficue per il nostro business!

Ci sono anche qui diverse strategie e campagne di email marketing da utilizzare, ma, come per il funnel, non te ne parlerò in questo articolo, perché sono parte del corso di online marketing che ho creato!

Come hai potuto capire, quindi, il mondo si è evoluto, e con esso il modo di fare marketing!

Stare al passo con i tempi è ESSENZIALE, perché si rischia di essere tagliati fuori ed essere battuti dalla concorrenza!

Se desideri approfondire il discorso e avere maggiori informazioni sull’accademia che ho creato per il marketing online, non ti resta che cliccare il bottone posto sopra o sotto questo articolo!

P.S. ci vediamo giovedì per il prossimo articolo su: “LE 4 TIPOLOGIE DI CLIENTE”